Il primo allenamento

Ieri sera la squadra di Calcio di cui faccio parte, la ProPontedecimo Femminile, ha dato il via agli allenamenti per la nuova stagione sportiva.

Purtroppo il viaggio da Marassi, dove lavoro, al Campo Sportivo, è stato terribile a causa del traffico dovuto al crollo del Ponte Morandi del 14 agosto. Ho impiegato più di un’ora per fare 15 km, la maggior parte dei quali in autostrada.

Anche quest’anno parteciperemo al campionato UISP di serie A2, con un nuovo Mister, Lorenzo Fanelli. Dalla prossima settimana, anche noi Portieri avremo un preparatore: avrà il suo bel da fare, poverino! Magari riuscirà a migliorare il mio stile di tuffo alla “gatto di marmo” o “a pelle d’orso”…

Quest’anno la rosa della squadra si è arricchita di nuovi elementi, fattore secondo me determinante. I nuovi innesti spezzano la monotonia, danno respiro alla squadra e giovano alle dinamiche malsane che ogni tanto si creano.

Abbiamo lavorato sulla resistenza e sulla tecnica. Uno dei problemi riscontrati durante lo scorso Campionato è stato che, in molti casi, abbiamo perso partite apparentemente giocabili perché la stanchezza ci ha portate a perdere la concentrazione. Magari il nuovo Mister riuscirà ad instillarci anche quella cattiveria agonistica che ci manca.

Nella nostra squadra la maggior parte delle ragazze ha più di trent’anni, lavora, ha famiglia o comunque vive da sola e quindi spesso arriviamo in campo cariche di stanchezza e preoccupazioni. Il calcio dovrebbe essere una valvola di sfogo, non un carico aggiuntivo di stress. Con questo, ovviamente, non intendo dire che l’impegno non vada preso seriamente… Deve essere un hobby, ma ritengo che necessiti comunque di costanza e dedizione, altrimenti diventa una perdita di tempo per sé stesse e per le compagne.

Il Mister ha detto che il suo obbiettivo, per quest’anno, è di ottenere un risultato migliore della scorsa stagione, “mettendo benzina nelle gambe”. Spero, in tutta onestà, si riferisse a qualcosa di alcolico.

Dal Campo Sportivo Rinaldo Grondona di Pontedecimo per oggi è tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.