L’infortunio

Ecco qua, un altro infortunio. Dopo lo strappo al polpaccio di S., la lesione ai legamenti della caviglia di G., lo stiramento di una delle tre M., l’altro stiramento di N., è toccato al ginocchio di M..

Tra l’altro, non nel corso di una azione, che so io, una entrata dura di una avversaria che faccia cadere da eroina. No. Era praticamente ferma. Un attimo prima era in piedi, un attimo dopo accasciata a terra, urlante.

La cosa divertente è che abbiamo già avuto 5 infortuni e ancora non è iniziato il campionato…

By the way…

In tutto ciò, M. abita a casa con me e per arrivare dal parcheggio ci abbiamo messo quasi un’ora. E poi c’è una lunga scalinata per raggiungere il portone. Alla fine ce l’abbiamo fatta.

Il ginocchio non sembra particolarmente malconcio ad un esame visivo, ma lei dice che le fa molto male. Questo, tipicamente, succede con le lesioni meniscali, di cui sfortunatamente ho una certa esperienza.

Non si può neppure tirare in ballo il riscaldamento, poiché il mister cura abbastanza questo aspetto. Probabilmente il ginocchio era già sofferente e un movimento scorretto ha fatto il resto.

Di certo questo infortunio non ci voleva. Ora vedremo l’esito delle visite e della risonanza magnetica. Speriamo bene…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.