La rissa in spogliatoio

Giovedì abbiamo sfiorato la rissa in spogliatoio.

La partita era contro il Rayo Vallecano, formazione retrocessa l’anno scorso dalla serie superiore. Una compagine unita, che gioca insieme da molto tempo e i cui membri si conoscono alla perfezione.

All’andata, sul loro campo, eravamo riuscite a strappare un combattuto 3-3. Il commento di Francesco Ferrando, il tizio che scrive sul sito della UISP e non azzecca un nome manco a morire, si era anche profuso in complimenti:

Pari e patta (3-3) nel match clou tra Rayo Vallecano e Ansaldo Energia Pontedecimo, dopo una sfida incerta ed appassionante. Le “spagnole”, terze con 10 punti in sette incontri, hanno fallito il salto di qualità, pur esprimendosi su buoni livelli. Le marcature di Martina Godani (bella doppietta) e Julia Rubini non sono bastate per incamerare l’intera posta, visto che le grintose ansaldine hanno fatto male con le fucilate di Marta Nicoli (altra doppiettista di giornata) e Francesca Bontà, spesso letale sotto porta.

Il punto di Francesco Ferrando – Calcio UISP Genova

A sto giro, abbiamo vinto 5-2. Una inarrestabile F. glieli ha cioccati uno dopo l’altro. E finalmente la squadra ha girato con un buon ritmo e con una buona intesa. La centrocampista, G., ha fatto i numeri. Tutte le ragazze hanno dato tutto quello che potevano.

Io ero sugli spalti e alla fine della partita ho notato baruffa. In particolare, S., una dei difensori, è tornata nello spogliatoio brontolando. Raggiungo le mie compagne pensando di trovare i festeggiamenti in corso, invece e mi trovo nel bel mezzo di una discussione. Francamente, non ho ben inteso la scintilla che ha dato origine al diverbio, ma era evidente che le parti in causa fossero L, con la sua ragazza R, e S.

Ad un certo punto L. si è lanciata in un j’accuse rivolto a tutte le compagne, ree, secondo lei, di essere poco accoglienti e limpide nei confronti suoi e della sua ragazza.

Poi, la situazione è degenerata e ad un certo punto mi son trovata a dover bloccare L. che prima ha cercato di avventarsi contro M. per colpirla, e poi ha iniziato a prendere a pugni porta e armadietti, urlando che siamo una squadra di merda e che non sarebbe più venuta.

Credo che siamo davvero arrivati alla frutta. La rissa in spogliatoio è veramente la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Anche della mia pazienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.